SUNFALL, IL THRILLER IN CUI IL SOLE POTREBBE BRUCIARE LA TERRA

sunfall Jim Al-Khalili thriller andrea bindella un nuovo nemico inganno imperfetto

Un’eruzione solare potrebbe distruggere la Terra da un giorno all’altro, così il fisico teorico Jim Al-Khalili ha scritto un thriller scientificamente plausibile.

 

Non ne siamo molto coscienti, o forse evitiamo di pensarci, ma in effetti la nostra civiltà corre costantemente un pericolo non trascurabile di essere spazzata via da una eruzione solare un po’ più forte del solito.
Un caso probabile, come quello del XIX secolo, potrebbe essere quello di un impulso elettromagnetico abbastanza forte da friggere tutte le apparecchiature elettroniche del pianeta. Per fortuna in quell’epoca la civiltà era basata sulla carta.
La catastrofe che immagina il fisico quantistico di origine britannica Jim Al-Khalili è un po’ più distruttiva, ma non per questo meno realistica. Un romanzo scientificamente plausibile che ci proietta nel futuro, un thriller dal ritmo serrato che svela chi saremo e come vivremo tra non molti anni e, soprattutto, ci ricorda che in un mondo di raffinate tecnologie – a partire dai droni e dalle intelligenze artificiali, così simili a quelle che già conosciamo – la variabile umana e la conoscenza rimangono le nostre principali alleate. Con grande accuratezza scientifica, Jim Al-Khalili conduce il lettore in un futuro agghiacciante ma allo stesso tempo più vicino a noi di quello che possiamo pensare.

QUARTA DI COPERTINA
2041. Pericolo dal Sole: entro poche ore, emissioni straordinarie di massa coronale colpiranno la Terra, già a rischio per l’indebolimento del campo magnetico che protegge il pianeta. In Nuova Zelanda un’aurora australe, che dovrebbe essere rivolta a sud, appare invece a nord. Un aereo in atterraggio a Nuova Delhi si schianta al suolo per il danneggiamento dei satelliti di comunicazione dovuto a una raffica di particelle ad alta energia provenienti dallo spazio. Su un’isola delle Bahamas si scatena un uragano di violenza inaudita. La Terra è fuori controllo e le autorità mondiali stanno nascondendo la verità sulla catastrofe imminente per non seminare il panico. Toccherà a quattro scienziati, due uomini e due donne, far ricorso a tutto il proprio sapere, al proprio coraggio e alla propria inventiva per salvare il pianeta. Ma c’è chi è convinto che l’estinzione dell’umanità sia l’unica soluzione possibile.

L’AUTORE
Jim Al-Khalili (Baghdad, 1962) è docente di Fisica teorica alla University of Surrey, in Gran Bretagna, dove tiene anche una cattedra di Comunicazione scientifica. È membro della Royal Society, Presidente della British Humanist Association, socio onorario della British Association for the Advancement of Science e Ufficiale dell’Ordine dell’Impero Britannico (OBE). Nel corso della sua attività ha ricevuto il Michael Faraday Prize e il Kelvin Prize. Come comunicatore, Al-Khalili è spesso presente nei canali televisivi e radiofonici britannici, dove ha curato alcuni dei più apprezzati documentari scientifici inglesi.

MOON. 50 ANNI DALL’ALLUNAGGIO. UN’ANTOLOGIA PER CELEBRARE UNA DATA STORICA

luna moon 50 anni allunaggio andrea bindella fantascienza terra 2486 anima sintetica

Per festeggiare il mezzo secolo dall’allunaggio della missione Apollo 11 e dalla celebre frase di Neil Armstrong “Un piccolo passo per l’uomo, un grande balzo per l’umanità“, esce in libreria una raccolta di racconti di vario genere che hanno come protagonista il nostro satellite.

 

Undici storie, undici autori italiani tra affermati ed esordienti, un unico filo rosso: l’ideale circumnavigazione dello storico allunaggio del 20 luglio 1969, che la RAI immortalò nella epocale e lunga diretta rimasta nella memoria di tantissimi, guidata da Tito Stagno con il mitico Ruggero Orlando in collegamento dagli States. Racconti dei generi più disparati, dalla fantascienza, all’amore, dal fantastico, allo storico, passando per il complottismo. A conclusione, un’appendice di 16 pagine su carta patinata, con splendide fotografie e relative didascalie, ripercorre le fasi salienti della missione di Armstrong, Aldrin e Collins, arricchendo ancor di più il volume.
Racconti di ampio respiro, che si affacciano ad un pubblico più largo dei soli addetti ai lavori, che spaziano dalla fantascienza all’amore, dal fantastico allo storico, passando per il complottismo. Undici autori come le missioni Apollo che si sono susseguite fino allo sbarco del 20 Luglio 1969.

“Dalla diretta televisiva di quell’estate lontana arrivarono immagini in bianco e nero ancora vive nella memoria di migliaia e migliaia di donne e di uomini. La conquista della Luna, però, ci riporta subito alla mente altre vicende, in parte anche personali: momenti della vita tristi e lieti, successi e fallimenti, inizio o fine di amicizie o di amori che con la missione lunare di Apollo 11 hanno in comune solo la concomitanza“, scrive nella prefazione “E proprio questa contemporaneità ci induce pure a ingrandire e attualizzare storie vecchie di mezzo secolo, frutto magari della fantasia o di originali e macchinose teorie complottiste, dissolvendo l’alone siderale che le annebbiava e ridando loro vita.”

Il testo è impreziosito da un’appendice di fotografie a colori dell’epoca che rende il volume ancora più appetibile per una larga fetta di pubblico.

CLANDESTINI DA UN ALTRO PIANETA

clandestini Mirko Raffazzi Drago fantascienza terra 2486 anima sintetica inganno imperfetto andrea bindella

Se c’è un pianeta difficile è la Terra. Quale scelta migliore per dimostrare le proprie capacità?

 

Un gruppo di giovani in cerca di emozioni, pericoli e nuove sfide decidono di andare sulla terra per dimostrare di essere adulti. Clandestini è un romanzo surreale e divertente scritto da Mirko Raffazzi Drago, blogger noto per occuparsi in modo molto scanzonato di ufologia e temi similari.

QUARTA DI COPERTINA
Cosa cercano i giovani di Kruhll nei deserti del nostro pianeta?
Potrebbe il pianeta Terra rischiare di essere distrutto per colpa delle fake-news?
Esiste una razza aliena più folle e pericolosa di noi terrestri?
La risposta a queste e altre domande in 42 capitoli.
“Non è per niente strana, a guardarla bene, l’abitudine dei giovani di Kruhll di rubare l’astronave di papà. Senza scomodare Freud, che lassù è un perfetto sconosciuto, di questo si tratta: dimostrare che si è adulti. Per i giovani il modo preferito di riuscirci è andarsi a ficcare in situazioni difficili. Più sono difficili più si raccattano punti. E il pianeta Terra, dobbiamo ammetterlo, è il jackpot. Non sto a dirvi adesso come e perché noi terrestri siamo stati espulsi dalla Federazione Galattica. Lo scoprirete man mano. E non ho neanche tanta voglia di soffermarmi sul giovane kruhlliano perché, come scoprirete, non è il suo viaggio lo scopo della narrazione ma ciò che ha scatenato il suo naufragio. Un enorme, gigantesco casino. E una improbabile storia d’amore.”
Un racconto esilarante, surreale, ricco di colpi di scena sulle avventure-disavventure di alcuni alieni dispersi in un pianeta ostile.
Il nostro

L’AUTORE
Mirko Raffazzi Drago è un famoso pseudo-ufologo, e ordinario di Archeoastrologia. È riconosciuto come uno dei maggiori contattisti mondiali.
Mirko nasce nel 1958 a Donston, nel Pembrokeshire (UK) da madre gallese e padre italiano. Sin da piccolo rimane stregato dai menhir dei quali i siti della zona erano ricchissimi. La sua indole vivace e curiosa lo porta ad effettuare innumerevoli e frequenti viaggi in tutto il mondo e a conseguire tre lauree in campi molto diversi tra loro.
Le sue specializzazioni interdisciplinari e la conoscenza dei più innovativi metodi di indagine hanno permesso a Raffazzi Drago di ottenere informazioni preziose da reperti archeologici, biologici e siderali. Ha condotto ricerche presso innumerevoli siti, tra i quali Moenjo Daro, Giza, Palenque, Tikal, Angkor, Ayutthaya, Aleppo e Troia. Ha esplorato il deserto del Gobi, il Sahara, la Siberia, la giungla amazzonica e New York, ha collaborato con innumerevoli enti, università, network, case editrici e magazine.

FAVOLA DI NEW YORK, IL FANTASY DI VICTOR LAVALLE

Favola New York Victor LaValle fantasy andrea bindella un nuovo nemico

Un romanzo in cui una modernissima New York si sospende per lasciare spazio al mito e alla leggenda.

 

Victor LaValle è l’autore vincitore dello Shirley Jackson Award 2016 per il piccolo gioiello “La ballata di Black Tom”, una novella fantasy/horror pubblicata nel 2016 che rivisita “L’orrore a Red Hook” di H.P. Lovecraft, immergendolo nella realtà degli afroamericani della New York degli anni Venti.

QUARTA DI COPERTINA
Il piccolo Apollo, figlio della New York di oggi, cresce con la madre, giovane single di origini ugandesi. Il padre, che è sparito nel nulla, gli ha lasciato solo una scatola di libri e uno strano incubo ricorrente. Da grande, Apollo diventa un commerciante di libri antichi e si innamora della bibliotecaria Emma, insieme alla quale ha presto un figlio. Ma il nuovo arrivato incrina l’idillio della coppia: lui rivive l’abbandono del padre e, alle prese con i propri fantasmi, fatica a comprendere che in lei qualcosa è cambiato. Emma si comporta in modo strano, è sempre più distante e insofferente fino a quando, un giorno, compie un gesto indicibile. Quanto possono essere oscuri i segreti delle persone che più amiamo? Inizia così l’avventura di Apollo alla ricerca della verità su quell’atto terribile: un viaggio che lo porterà su un’isola misteriosa nel cuore della metropoli dove accadono cose al di là di ogni immaginazione e dove la vita quotidiana in una modernissima New York si sospende per lasciare spazio al mito e alla leggenda.

L’AUTORE
Victor LaValle è uno scrittore statunitense specializzato in narrativa fantasy e di fantascienza.
Nato il 3 febbraio 1972 a New York e cresciuto nei quartieri di Flushing e Rosedale, si è laureato in inglese alla Cornell University, specializzandosi in scrittura creativa alla Columbia University.
Dopo l’esordio nel 1999 con la raccolta di racconti Slapboxing with Jesus: Stories, ha pubblicato 5 romanzi e una graphic novel spaziando dal fantasy alla fantascienza, passando per l’horror.
Tra i numerosi riconoscimenti letterari ottenuti si segnalano un Premio World Fantasy e un Premio Locus entrambi ottenuti nel 2018 per Favola di New York.
Insegnante presso la Columbia University, vive e lavora con moglie e figli a Washington Heights.

RESPIRO, LA RACCOLTA DI RACCONTI DI TED CHIANG

respiro ted chiang andrea bindella fantascienza terra 2486 anima sintetica inganno imperfetto

La nuova raccolta dell’autore americano comprenderà anche diverse storie vincitrice del premio Hugo.

 

QUARTA DI COPERTINA
L’universo ha avuto origine da un immenso respiro trattenuto. Perché non si sa, ma quale che ne sia stato il motivo, mi fa davvero piacere sia andata così, se sono vivo lo devo infatti a quel fenomeno. Tutti i miei desideri e le mie riflessioni non sono altro che vortici d’aria generati dalla successiva e graduale espirazione dell’universo. E finché questa grande espirazione non avrà termine, i miei pensieri continueranno a vivere. Nel racconto che dà il nome alla raccolta, il protagonista è uno scienziato che fa una scoperta impossibile sulla propria esistenza. E chiude proprio con un’esortazione che contiene la poetica dell’autore: «Anche se quando mi leggerai, esploratore, io sarò morto da tempo, mi congedo adesso rivolgendoti un invito: contempla la meraviglia che è l’esistenza e rallegrati di poterlo fare. Mi sento in diritto di dirtelo. Mentre scrivo queste parole, infatti, io sto facendo lo stesso.» In questo uso della fantascienza come contenitore dei sentimenti e dei pensieri umani, Chiang è degno erede di Philip K. Dick. Nelle altre otto storie che compongono la raccolta ci sono sempre personaggi fuori dall’ordinario, che sperimentano la vita in dimensioni diverse dalla nostra. Come nel Mercante e il portale dell’alchimista, il racconto che apre la raccolta, in cui un varco temporale costringe un venditore di stoffe nell’antica Baghdad a fare i conti con i propri errori e gli offre il modo di rimediare. Come in tutte le sue opere, Chiang sfiora la fantascienza immaginando mondi diversi, intelligenze artificiali, forse viaggi nel tempo e mette sul tavolo temi umanissimi: il valore della vita, l’ineluttabilità, la paura e il dolore della morte, la necessità della memoria, la ricchezza salvifica del sapere, e volere, comunicare.

L’AUTORE
Ted Chiang è uno scrittore statunitense di narrativa fantastico-fantascientifica. Nato a Port Jefferson nello stato di New York nel 1967, si è diplomato alla Brown University con una laurea in informatica. Risiede a Bellevue, vicino Seattle, Washington, dove lavora come scrittore tecnico per l’industria del software.
Ted Chiang ha pubblicato nel settembre del 2007 un racconto breve dal titolo Il mercante e il portale dell’alchimista che si è aggiudicato i premi Nebula e Hugo per quell’anno. Nel 2009 il suo racconto successivo, Respiro, il 27 giugno dello stesso anno si è aggiudicato il Premio Locus per la sua categoria, seguito il 10 agosto dal Premio Hugo.
Nel luglio 2010 ha pubblicato per la casa editrice Subterranean Press un romanzo breve dal titolo Il ciclo di vita degli oggetti software che dopo essersi aggiudicato il Premio Locus per la categoria gli è valso il suo quarto Premio Hugo.
Ted Chiang è mancino, si dichiara ateo e il suo nome cinese è Chiang Feng-nan.

MEZZO SANGUE, IL SECONDO VOLUME DELLA SERIE GLI ORCHI-DEI

mezzo sangue orchi dei fantasy andrea bindella un nuovo nemico vampiri inganno imperfetto

Hubert e Gatignol tornano in libreria con il secondo volume della serie Gli Orchi-Dei intitolato “Mezzo Sangue”. Una nuova grottesca vicenda narrata con uno stile inconfondibile e originale.

 

«Non era più il figlio di nessuno. Aveva finalmente reciso qualsiasi forma di collegamento con il passato per rinascere, ormai senza più legami, grazie alla forza della propria volontà».

Nel primo volume intitolato “Piccolo” avevamo trovato la drammatica storia di un erede al trono reietto, ambientata in un mondo in cui giganti e uomini non convivono serenamente e le stirpi reali dei giganti mangiano carne umana, trattando gli uomini come servi. In questo secondo volume invece troviamo la vicenda di un plebeo che vuole a tutti i costi diventare nobile. Verranno mostrati due punti di vista diversi della medesima storia, dove il lieto fine non è contemplato.

QUARTA DI COPERTINA
Yori è il figlio illegittimo di una popolana e un nobile, ambizioso e seducente ascende tra i ranghi della servitù degli Orchi-Dei fino a diventare un potentissimo ciambellano. In un regno gotico in cui spietati giganti governano arbitrariamente, è l’ingegno a fare la differenza fra la vita e la morte e gli sprovveduti sono destinati a soccombere per i soprusi dei potenti. Yori, avido ed egoista, scoprirà che l’ambizione è un’arma a doppio taglio e anche la sete di potere miete vittime, conducendo alla pazzia e trasformando l’indole e l’aspetto.

GLI AUTORI
Bertrand Gatignol, nato il 25 agosto 1977, è un disegnatore di personaggi e un fumettista francese. Dopo la laurea, Bertrand Gatignol è entrato nel seminario Met di Penninghen prima di entrare in ESAG, dove ha ricevuto una formazione che lo ha destinato a diventare direttore artistico. Ha provato la pittura opaca per il pilot del film Renaissance, poi officiato come direttore artistico per la clip The Clash of NTM, prima di spostarsi verso l’animazione. Ha co-creato la serie TV Paghai con Moonscoop. Disegna i personaggi di molte serie di animazione, comprese quelle di Skyland, Iron Man e Il piccolo principe. Nel frattempo, mette in produzione la sua serie: Mikido. È anche illustratore di riviste come The Source e Twill.
Hubert è uno sceneggiatore di fumetti e colorista francese, nato nel 1971 a Saint-Renan. Nonostante la sua laurea ottenuta alla scuola di Belle Arti di Angers e nonostante una formazione da disegnatore, abbandona presto le arti plastiche per dedicarsi al fumetto. Dapprima si cimenta come colorista, contribuendo ai lavori di diversi fumettisti tra cui Yoann e Omond, Corbeyran, Malka e Gillon, svoltando in un secondo momento verso la carriera di sceneggiatore, a partire dal 2002, con la pubblicazione di Legs de l’alchimiste. A partire dal 2006, con l’opera in più capitoli Miss Pas Touche, disegnata dai Kerascoët e pubblicata da Dargaud, viene conosciuto da un pubblico più ampio. Nel 2015 scrive Bellezza, pubblicato inizialmente in Francia in tre tomi e in un’edizione unitaria in bicromia dalle edizioni Dupuis. Nel 2018, in coppia con Bertrand Gatignol, crea la fortunata serie Gli Orchi-Dei.

NUCLEO ROVENTE, CON PROTAGONISTA IL TREDICESIMO DOTTORE DONNA

nucleo rovente doctor who fantascienza andrea bindella terra 2486 anima sintetica

Torna in libreria Doctor Who con “Nucleo rovente” il romanzo di Una McCormack che avrà come protagonista il tredicesimo Dottore, la prima dottore donna.

 

Doctor Who è una serie televisiva britannica di fantascienza prodotta dalla BBC a partire dal 1963. Ha per protagonista un Signore del Tempo, cioè un alieno viaggiatore del tempo, dalle sembianze umane che si fa chiamare semplicemente Il Dottore ed esplora l’universo a bordo del TARDIS, una macchina senziente capace di viaggiare nello spazio e nel tempo attraverso il cosiddetto vortice del tempo. L’aspetto esterno del TARDIS è quello di una cabina blu della polizia inglese, comunemente visibile in Gran Bretagna negli anni sessanta, quando la serie fu trasmessa per la prima volta. Il Dottore è quasi sempre accompagnato da dei compagni di viaggio terrestri, insieme ai quali affronta nemici, salva intere civiltà e aiuta chi è in difficoltà. Uno strumento (pseudo-)scientifico ampiamente utilizzato dal Dottore è il cacciavite sonico.
Il ruolo del Dottore è stato finora interpretato da quattordici attori. Il passaggio da un attore a un altro, con tutti i cambiamenti che esso porta, viene descritto nella trama come una “rigenerazione”, un processo vitale dei Signori del Tempo attraverso il quale il Dottore continua a vivere in un nuovo corpo, diverso dal precedente, ma che comporta anche un cambiamento nella personalità. Nonostante i cambiamenti di carattere e le diverse interpretazioni, si possono notare aspetti comuni di uno stesso personaggio. Dal 2005, il Dottore è stato interpretato da Christopher Eccleston, David Tennant, Matt Smith, John Hurt e Peter Capaldi. Dal 2018 il personaggio viene interpretato da Jodie Whittaker, prima donna a ricoprire il ruolo.

Complessivamente sono stati pubblicati oltre 200 romanzi e racconti di Doctor Who, oltre a numerosi libri non fiction riguardanti la serie televisiva o il franchise collegato.
In questa seconda storia originale del Dottore “nuova versione”, interpretato nella serie televisiva da Jodie Whittaker, si viaggia sul pianeta Adamantine, dove al divertimento si accompagna la consueta distorsione dei concetti di tempo e spazio per un risultato sempre godibilissimo e, in questo caso, “rovente”.

QUARTA DI COPERTINA
Nelle viscere del pianeta Adamantine si trova un fantastico mondo fatto di cristalli, mari di lava e isole vulcaniche, in cui vive un popolo di uomini-roccia. Eppure, dopo il loro arrivo, il Dottore e i suoi amici scoprono che Adamantine è in pericolo. I mari si stanno ritirando, il magma si raffredda e misteriose quanto letali pozze roventi stanno comparendo ovunque. Sta succedendo qualcosa su Adamantine, ma cosa? Temendo un’invasione, il Dottore decide di guidare una spedizione fino alla superficie del pianeta per salvare il suo nucleo rovente.

L’AUTRICE
Una McCormack è nata il 13 gennaio 1972 a St Helens, nel Merseyside ed è un romanziere britannico-irlandese. McCormack insegna alla Anglia Ruskin University, come docente di scrittura creativa. È anche coodirettrice del Centro universitario per fantascienza e fantasia dell’Università Anglia Ruskin. È meglio conosciuta come autrice di numerosi romanzi basati sulle serie di fantascienza Star Trek e Doctor Who.

Mutant Chronicles, il romanzo

mutant chronicles andrea bindella fantascienza terra 2486 anima sintetica inganno imperfetto

Mutant Chronicles è un’ambientazione techno-fantasy post-apocalittica dalla quale sono stati realizzati romanzi, giochi da tavolo, videogiochi e film.

 

«Tutto ebbe inizio con gli Imperiali e le loro truppe maledette…»

 

La trama

In seguito a fusioni, inglobamenti e sbaragliamento della concorrenza, quattro grandi aziende multisettoriali si spartiscono il controllo della Terra sostituendosi agli stati stessi. Sono le cosiddette Mega-corporazioni: Capitol, Imperial, Bauhaus, Mishima.

Prosciugata la Terra di qualsiasi risorsa naturale, le Megacorporazioni cominciano a colonizzare lo spazio rivendicando interi pianeti per sé stesse. Lentamente la concorrenza diventa una guerra e la colonizzazione diventa conquista.

Ma un’interferenza anomala, ribattezzata Oscura Simmetria, invade l’intero sistema solare. Qualsiasi congegno elettrico o elettronico impazzisce facendo regredire la tecnologia all’età vittoriana. La Fratellanza, organizzazione religiosa riconosciuta come unica fede umana, bandisce l’elettronica tacciandola di eresia. Ma una nuova Megacorporazione, la Cybertronic, decide scientemente di ignorare il monito e fonda la propria fortuna sullo sviluppo della tecnologia in ogni sua forma, dall’informatica alla cybernetica.

Le truppe Imperiali, prime ad atterrare sul decimo pianeta del sistema solare, scoprono una gigantesca stele nera. Mentre stanno ancora decidendo come analizzarla, questa si apre liberando i demoni in essa imprigionati.

Un esercito di orrende creature invade lo spazio, uccidendo e distruggendo tutto ciò che incontrano sul loro cammino. Le Megacorporazioni, spronate dalla fratellanza, decidono di mettere da parte le proprie divergenze per creare una forza d’attacco in grado di contrastare l’Oscura Legione che ha invaso il sistema solare: i Doomtrooper.

 

Le Megacorporazioni

Capitol è quella di idea politica democratica. I principi ispiratori della megacorporazione sono “Profitto e Onore”. Essa è decisamente la più grande e fabbrica prodotti con qualità mediocre a prezzi contenuti. Ha una forte presenza su Marte.

Bauhaus è basata sulla discendenza, anche se utilizza il principio meritocratico in casi di personalità eccezionalmente dotate al proprio interno. Essa fabbrica prodotti di qualità sopraffina ed è per questo costretta a rivenderli ad alti prezzi. Ha una forte presenza su Venere.

Mishima discende da antichi e nobili casati giapponesi. L’idea può essere racchiusa in “Morte piuttosto che disonore”. Essa produce enormi quantità di prodotti di qualità scadente a prezzi stracciati. La progettazione si basa spesso su spionaggio industriale o plagio. Ha una forte presenza su Mercurio.

Imperiale è la più piccola. Essa è detta “fazione dannata” poiché impedì alla corporazione Capitol di stroncare l’Oscura Legione sul nascere. Essa ha presenze in tutto il sistema solare e ha una struttura basata su clan familiari. Solitamente sottrae risorse agli avversari per rivenderli a prezzo inferiore.

Cybertronic è la più giovane e ha le dimensioni degli Imperiali. È basata sulla tecnologia di tutti i tipi, dalle macchine pensanti alla bioingegneria. È vista male da tutte le megacorporazioni che in essa credono ci sia il tentativo dell’Oscura Legione di mascherarsi per inserirsi nella società umana.

L’Oscura Legione è l’armata del male guidata dai Cinque Apostoli. Essi sono Ilian (la Signora del Vuoto), Muawijhe (il Signore delle Visioni), Semai (il Signore del Rancore), Algeroth (il Signore della Tecnologia Oscura) e Demnogonis (l’Insudiciatore).

Gli appartenenti all’Oscura Legione sono umani eretici unitisi all’Oscurità, Non-Morti e Necromutanti. I Doni Oscuri sono poteri soprannaturali concessi ai discepoli degli Apostoli del Male.

La Fratellanza, fondata dal Cardinale, è un’organizzazione capace di guidare la speranza delle genti contro il male. Sotto la sua bandiera le Megacorporazioni firmano un trattato di pace e si uniscono nella battaglia contro il male. Costituì un proprio esercito di Inquisitori e prese le redini del comando anche sugli eserciti delle Megacorporazioni. L’Arte sono i poteri soprannaturali concessi agli appartenenti della Fratellanza.

L’Alleanza è un organismo che sta al di sopra delle Megacorporazioni e funge da mediatore tra esse per evitare conflitti e mantiene l’unità contro il male. Venne fondata dopo la prima Guerra Corporativa e in essa hanno una rappresentanza tutte le Megacorporazioni.

L’esercito dell’Alleanza è composto dai Doomtrooper, valorosi soldati scelti tra tutte le Megacorporazioni. L’Alleanza ha avuto successi solo parziali nelle mediazioni tra le varie fazioni in lotta nel Sistema Solare poiché molte di esse mantengono in vita vecchi rancori che le dividono e le oppongono davanti alla prima difficoltà.

NEL BUIO DELLA NOTTE DI MICOL FUSCA

micol fusca edizioni open buio notte andrea bindella romanzo fantasy thriller fantascienza

«I bambini sanno quello che gli adulti hanno dimenticato: al centro dell’oscurità più profonda c’è qualcosa che li attende» da “Notte – Capitolo I”.

 

Micol è un’autrice di Edizioni Open e nel LibriCK “Nel Buio della Notte”, una storia di mistero e mostri notturni, riesce a tenere il lettore incollato alla pagina in preda a curiosità e suspance. Con il suo stile fluido e grazie al buon ritmo che ha saputo imprimere nella storia il capitolo si legge tutto d’un fiato.

Al link sottostante è possibile visualizzare gratuitamente il Primo Capitolo della sua opera e se vi piace lo stile e il genere, ci sono già altri cinque capitoli ad aspettarvi.

Buona Lettura e buona divertimento!

https://edizioniopen.it/il-mostro-sotto-il-letto-notte/

La Dimora dei sussurri – Le cronache di Zorex e Drok

dimora sussurri andrea bindella fantasy un nuovo nemico thriller

Ho “conosciuto” virtualmente Giuseppe Gallato su EdizioniOpen.it leggendo una delle sue fantastiche storie fantasy.

 

Mi piace molto il suo modo di scrivere e le storie sono belle e interessanti. Se volete conoscerlo, a questo LINK, è possibile leggere GRATIS le sue storie fantastiche.

Il Primo Capitolo delle Cronache di Zorex e Drok si intitola La Dimora dei Sussurri.

Alla fine di ogni capitolo, l’autore, da la possibilità al lettore di decidere come proseguire la storia; una sorta di interattività con lo scrittore. Una cosa molto bella e divertente!

Buona lettura!!