SUNFALL, IL THRILLER IN CUI IL SOLE POTREBBE BRUCIARE LA TERRA

sunfall Jim Al-Khalili thriller andrea bindella un nuovo nemico inganno imperfetto

Un’eruzione solare potrebbe distruggere la Terra da un giorno all’altro, così il fisico teorico Jim Al-Khalili ha scritto un thriller scientificamente plausibile.

 

Non ne siamo molto coscienti, o forse evitiamo di pensarci, ma in effetti la nostra civiltà corre costantemente un pericolo non trascurabile di essere spazzata via da una eruzione solare un po’ più forte del solito.
Un caso probabile, come quello del XIX secolo, potrebbe essere quello di un impulso elettromagnetico abbastanza forte da friggere tutte le apparecchiature elettroniche del pianeta. Per fortuna in quell’epoca la civiltà era basata sulla carta.
La catastrofe che immagina il fisico quantistico di origine britannica Jim Al-Khalili è un po’ più distruttiva, ma non per questo meno realistica. Un romanzo scientificamente plausibile che ci proietta nel futuro, un thriller dal ritmo serrato che svela chi saremo e come vivremo tra non molti anni e, soprattutto, ci ricorda che in un mondo di raffinate tecnologie – a partire dai droni e dalle intelligenze artificiali, così simili a quelle che già conosciamo – la variabile umana e la conoscenza rimangono le nostre principali alleate. Con grande accuratezza scientifica, Jim Al-Khalili conduce il lettore in un futuro agghiacciante ma allo stesso tempo più vicino a noi di quello che possiamo pensare.

QUARTA DI COPERTINA
2041. Pericolo dal Sole: entro poche ore, emissioni straordinarie di massa coronale colpiranno la Terra, già a rischio per l’indebolimento del campo magnetico che protegge il pianeta. In Nuova Zelanda un’aurora australe, che dovrebbe essere rivolta a sud, appare invece a nord. Un aereo in atterraggio a Nuova Delhi si schianta al suolo per il danneggiamento dei satelliti di comunicazione dovuto a una raffica di particelle ad alta energia provenienti dallo spazio. Su un’isola delle Bahamas si scatena un uragano di violenza inaudita. La Terra è fuori controllo e le autorità mondiali stanno nascondendo la verità sulla catastrofe imminente per non seminare il panico. Toccherà a quattro scienziati, due uomini e due donne, far ricorso a tutto il proprio sapere, al proprio coraggio e alla propria inventiva per salvare il pianeta. Ma c’è chi è convinto che l’estinzione dell’umanità sia l’unica soluzione possibile.

L’AUTORE
Jim Al-Khalili (Baghdad, 1962) è docente di Fisica teorica alla University of Surrey, in Gran Bretagna, dove tiene anche una cattedra di Comunicazione scientifica. È membro della Royal Society, Presidente della British Humanist Association, socio onorario della British Association for the Advancement of Science e Ufficiale dell’Ordine dell’Impero Britannico (OBE). Nel corso della sua attività ha ricevuto il Michael Faraday Prize e il Kelvin Prize. Come comunicatore, Al-Khalili è spesso presente nei canali televisivi e radiofonici britannici, dove ha curato alcuni dei più apprezzati documentari scientifici inglesi.

MOON. 50 ANNI DALL’ALLUNAGGIO. UN’ANTOLOGIA PER CELEBRARE UNA DATA STORICA

luna moon 50 anni allunaggio andrea bindella fantascienza terra 2486 anima sintetica

Per festeggiare il mezzo secolo dall’allunaggio della missione Apollo 11 e dalla celebre frase di Neil Armstrong “Un piccolo passo per l’uomo, un grande balzo per l’umanità“, esce in libreria una raccolta di racconti di vario genere che hanno come protagonista il nostro satellite.

 

Undici storie, undici autori italiani tra affermati ed esordienti, un unico filo rosso: l’ideale circumnavigazione dello storico allunaggio del 20 luglio 1969, che la RAI immortalò nella epocale e lunga diretta rimasta nella memoria di tantissimi, guidata da Tito Stagno con il mitico Ruggero Orlando in collegamento dagli States. Racconti dei generi più disparati, dalla fantascienza, all’amore, dal fantastico, allo storico, passando per il complottismo. A conclusione, un’appendice di 16 pagine su carta patinata, con splendide fotografie e relative didascalie, ripercorre le fasi salienti della missione di Armstrong, Aldrin e Collins, arricchendo ancor di più il volume.
Racconti di ampio respiro, che si affacciano ad un pubblico più largo dei soli addetti ai lavori, che spaziano dalla fantascienza all’amore, dal fantastico allo storico, passando per il complottismo. Undici autori come le missioni Apollo che si sono susseguite fino allo sbarco del 20 Luglio 1969.

“Dalla diretta televisiva di quell’estate lontana arrivarono immagini in bianco e nero ancora vive nella memoria di migliaia e migliaia di donne e di uomini. La conquista della Luna, però, ci riporta subito alla mente altre vicende, in parte anche personali: momenti della vita tristi e lieti, successi e fallimenti, inizio o fine di amicizie o di amori che con la missione lunare di Apollo 11 hanno in comune solo la concomitanza“, scrive nella prefazione “E proprio questa contemporaneità ci induce pure a ingrandire e attualizzare storie vecchie di mezzo secolo, frutto magari della fantasia o di originali e macchinose teorie complottiste, dissolvendo l’alone siderale che le annebbiava e ridando loro vita.”

Il testo è impreziosito da un’appendice di fotografie a colori dell’epoca che rende il volume ancora più appetibile per una larga fetta di pubblico.

PROTEGGERE E SERVIRE, GRATIS IL SESTO CAPITOLO

proteggere e servire inganno imperfetto gratis

Sulla piattaforma digitale Edizioni Open è disponibile il Sesto Capitolo “PROTEGGERE E SERVIRE” del romanzo GRATUITO “Inganno Imperfetto”.

 

Le visualizzazioni saranno limitate pertanto affrettatevi per non perdere quest’occasione.

https://edizioniopen.it/proteggere-e-servire/

Alcune recensioni:
«Hai acceso la mia curiosità. odio le storie banali, ma questo primo episodio è talmente criptico che non riesco a immaginare dove mi porterai»Dario
«E’ interessante, questo continuo cambio di ambientazione ha stuzzicato la mia curiosità»Micol
«Un primo episodio a dir poco fantastico… epico al punto giusto!»Giuseppe
«Semplicemente spiazzante. Ottime descrizioni ed è affascinante il cambio totale del registro narrativo. Sono davvero curioso del seguito»Antonino

https://edizioniopen.it/proteggere-e-servire/

Buona Lettura!

BERSERKR, L’URBAN FANTASY DI ALESSIO DEL DEBBIO

Berserkrc Alessio Del Debbio fantasy andrea bindella un nuovo nemico

Divertente, ricco d’azione, non mancano note di umorismo e spunti di riflessione interessanti.

 

[…«Urla, se vuoi. Nessuno verrà in tuo aiuto», disse la donna, avvicinandosi. «Se anche qualcuno passasse, vedrebbe soltanto una ragazza dedicare una canzone d’amore al suo innamorato. È facile confondere i sensi, sai? Perché è questo che la gente vuole, questo ciò che cerca: riempirsi la bocca col lieto fine, credere che la vita abbia un senso e sia solo l’amore. Tutte stronzate.» Scansò la ragazza e diede un calcio al corpo di Hansel, gettandolo nel canale. Subito le creature vi si avventarono, tingendo l’acqua di bagliori vermigli…]

QUARTA DI COPERTINA
Berlino, inizio del terzo millennio. La Guerra Calda è finita, gli Accordi dell’89 sono stati firmati e la città è stata divisa in sette zone, ciascuna assegnata a una delle antiche stirpi. All’interno della ringbahn vivono gli uomini, protetti dalla Divisione, incaricata di mantenere la pace e impedire sconfinamenti e scontri tra le stirpi.
Misteriosi omicidi, provocati da sconosciute creature sovrannaturali, iniziano però a verificarsi in tutta la città, rischiando di frantumare il delicato equilibrio raggiunto. La Divisione incarica Ulrik Von Schreiber di indagare, aiutato dal pavido collega Fabian, ben sapendo quanto abbia a cuore il mantenimento della pace. Ma Ulrik non è soltanto un cacciatore, incarna lo Spirito Protettore della Città, l’Orso di Berlino, che non attende altro che liberare la propria furia.

L’AUTORE
Alessio Del Debbio, viareggino e laureato in Lettere Moderne, è appassionato di scrittura e letteratura, in particolare di genere fantastico e mitologico. Ha frequentato i laboratori di scrittura dello scrittore e giornalista Mirko Tondi, a Viareggio.
Attualmente è presidente dell’Associazione Culturale “Nati per scrivere”, con sede a Camaiore (LU), che sostiene e promuove gli scrittori locali. Dall’estate 2015 organizza la rassegna “Un libro al tramonto” – Aperitivi letterari a Viareggio, per far conoscere autori toscani. Cura il blog “I mondi fantastici” che promuove scrittori emergenti di letteratura fantastica italiana e scrive articoli e recensioni di romanzi fantasy contemporanei per il portale di letteratura fantastica “Lande incantate”.

AMAZON COMPIE 25 ANNI. TUTTO INIZIÒ DAI LIBRI

Jeff Bezos amazon andrea bindella thriller fantasy fantascienza

Quest’anno Amazon compie 25 anni. Il colosso dell’ecommerce ha costruito il suo successo partendo dai libri.

Amazon.com, Inc. è un’azienda di commercio elettronico statunitense, con sede a Seattle nello stato di Washington; è la più grande Internet company al mondo. Time Magazine proclamò Bezos, il suo fondatore, Uomo dell’anno nel 1999, a riconoscimento del successo di Amazon nel rendere popolare il commercio elettronico.
È stata tra le prime grandi imprese a vendere merci su Internet e una delle aziende simbolo della bolla speculativa delle dot-com riguardante Internet alla fine degli anni novanta. Dopo che la bolla scoppiò, Amazon affrontò un certo scetticismo nei confronti del suo modello di business, ma nel 2003 raggiunse per la prima volta un utile d’esercizio. Amazon possiede anche Alexa Internet, A9.com, Internet Movie Database (IMDb), Twitch.tv, ComiXology e il The Washington Post.
Fondata con il nome di Cadabra.com da Jeff Bezos il 5 luglio 1994 e lanciata nel 1995, Amazon.com incominciò come libreria online, ma presto allargò la gamma dei prodotti venduti a DVD, CD musicali, software, videogiochi, prodotti elettronici, abbigliamento, mobilia, cibo, giocattoli e altro ancora.
Amazon ha creato poi altri siti in Canada, Regno Unito, Germania, Australia, Francia, Italia, Spagna, Cina, Brasile, Messico, Giappone, Paesi Bassi e India e spedisce i suoi prodotti in tutto il mondo.

L’azienda incominciò come libreria online, offrendo una vasta scelta di titoli, maggiore di qualsiasi altro grande negozio di libri o di ditta di vendita per corrispondenza. Bezos ribattezzò poi la sua azienda come Amazon dal nome del Rio delle Amazzoni. Bezos scelse di utilizzare il nome di questo fiume non per evocarne la lunghezza ma il suo bacino idrografico. L’azienda fu registrata nel 1994 nello stato USA di Washington, e cominciò le attività nel luglio 1995 spostandosi nell’anno successivo in Delaware. Entrò nel mercato azionario il 15 maggio 1997, sul NASDAQ con il simbolo AMZN con un prezzo iniziale di $18,00 per azione.
Il piano aziendale non pensava di fare profitto per i primi 4-5 anni e la società crebbe alla fine degli anni novanta più lentamente di molte altre “Internet company”; questa lenta crescita fece lamentare molti azionisti, ma quando la bolla delle dot-com scoppiò e molte aziende del settore fallirono, Amazon resistette e raggiunse il primo periodo di profitto nel quarto trimestre del 2002 seppur con risultato di soli 5 milioni di dollari, equivalente a un centesimo di dollaro per azione, con rendite di più di un miliardo di dollari ma fu un importante evento simbolico. Da allora è sempre rimasta in attivo con profitti netti di 35 milioni di dollari nel 2003, 588 milioni nel 2004 e 359 milioni nel 2005. I ricavi continuarono a crescere grazie alla diversificazione dell’offerta e la presenza su un mercato internazionale con 3,9 miliardi di dollari nel 2002, 5,3 nel 2003, 6,9 nel 2004 e 8,5 nel 2005. Il 21 novembre 2005, Amazon è entrata nell’indice S&P 500, sostituendo la vecchia AT&T dopo la fusione di questa con SBC Communications.
Il sito si espanse velocemente offrendo nuove sezioni per nuove linee di prodotti di svariate tipologie rendendo possibile ai clienti di recensire i prodotti dopo averli acquistati. Una parte delle vendite viene dagli affiliati al sito, detti “Associate”, ovvero venditori indipendenti che ricevono una commissione per indirizzare i clienti che poi acquisteranno dal sito di Amazon attraverso dei link sui loro siti. Alla fine del 2003, Amazon aveva quasi un milione di associates. Questi possono accedere al catalogo di Amazon direttamente dai loro siti usando il servizio XML Amazon Web Services (AWS). Amazon è stata la prima a usare questo sistema di referenti. L’idea è stata poi copiata da molti altri siti di commercio elettronico.

Kindle Direct Publishing è la piattaforma di self-publishing per ebook di proprietà di Amazon.com.
Dopo essersi registrato sul sito web l’utente può caricare la propria opera in uno dei formati supportati (DOC, DOCX, HTML, MOBI, RTF, TXT, PDF, KPF). Inizia così il processo di pubblicazione che prevede l’inserimento dei metadati che descrivono il libro (ad esempio il titolo e l’autore), la creazione della copertina attraverso l’editor presente sul sito, la conferma di essere in possesso di tutti i diritti di pubblicazione e, infine, l’impostazione dei prezzi. Dopo aver inserito tutte le informazioni obbligatorie l’utente termina il processo inviando l’ebook al circuito distributivo Kindle Store.

NESTOR BURMA E LA BAMBOLA, UN THRILLER DI LÉO MALET

Nestor Burma e la bambola Leo Malet thriller gioco pericoloso andrea bindella un nuovo nemico inganno imperfetto

Nestor Burma torna in libreria, pronto a riconquistare i lettori con l’irriverenza e l’umanità che lo contraddistinguono, espresse al loro meglio in questa nuova avventura.

 

[…Charlot l’Eureka avrebbe fatto meglio a dedicarsi ad aggressioni vere e proprie. Gli avrebbero procurato più denaro dei suoi finti furti che lo costringevano a vivere in un buco che puzzava di biancheria sporca e miseria anche nei giorni di vento…]

QUARTA DI COPERTINA
Tempi duri per Nestor Burma: le casse dell’Agenzia Fiat Lux sono drammaticamente vuote e la pioggia primaverile rende Parigi sempre più cupa. Così, fiutata la possibilita` di un mistero, il detective privato si reca di nascosto presso un’isolata villa di Boulogne, dove sarà l’involontario e sbigottito testimone di una strage, messa in atto da un losco individuo dal volto deturpato. La vittima, tale Mauffat, sembra essere a sua volta un personaggio poco raccomandabile: un ex medico radiato dall’ordine, che custodiva nella propria cassaforte mazzette di banconote e bottiglie di benzina… A complicare le cose si aggiunge il fatto che Mauffat venga anche considerato il responsabile della morte della giovanissima Yolande Bonamy, deceduta in seguito a un aborto mal praticato: ad accusare l’ex medico sono i nonni della ragazza, che, in mancanza di prove concrete, affideranno al protagonista il compito di incastrare l’assassino rimasto impunito. Ma come fare, ora che l’assassino stesso è stato a sua volta brutalmente assassinato? Ancora una volta toccherà a Nestor Burma risolvere l’intrigo, muovendosi tra sicari prezzolati, locali a luci rosse, chanteuses decadute e “bambole”, reali o sognate… E sarà proprio una “bambola” la chiave per decifrare il mistero.

L’AUTORE
Léo Malet, l’anarchico conservatore, come amava definirsi, è uno dei padri del romanzo noir francese. In realtà Malet è uno scrittore dai mille volti: accanto al poliziesco, si cimenta nei romanzi di cappa e spada e, soprattutto, nel noir. La critica gli concede proprio in questo filone i maggiori riconoscimenti: la Trilogie noir, di cui fanno parte Nodo alle budella, La vita è uno schifo e Il sole non è per noi, viene considerato il suo capolavoro. Malet muore nel 1996.

CLANDESTINI DA UN ALTRO PIANETA

clandestini Mirko Raffazzi Drago fantascienza terra 2486 anima sintetica inganno imperfetto andrea bindella

Se c’è un pianeta difficile è la Terra. Quale scelta migliore per dimostrare le proprie capacità?

 

Un gruppo di giovani in cerca di emozioni, pericoli e nuove sfide decidono di andare sulla terra per dimostrare di essere adulti. Clandestini è un romanzo surreale e divertente scritto da Mirko Raffazzi Drago, blogger noto per occuparsi in modo molto scanzonato di ufologia e temi similari.

QUARTA DI COPERTINA
Cosa cercano i giovani di Kruhll nei deserti del nostro pianeta?
Potrebbe il pianeta Terra rischiare di essere distrutto per colpa delle fake-news?
Esiste una razza aliena più folle e pericolosa di noi terrestri?
La risposta a queste e altre domande in 42 capitoli.
“Non è per niente strana, a guardarla bene, l’abitudine dei giovani di Kruhll di rubare l’astronave di papà. Senza scomodare Freud, che lassù è un perfetto sconosciuto, di questo si tratta: dimostrare che si è adulti. Per i giovani il modo preferito di riuscirci è andarsi a ficcare in situazioni difficili. Più sono difficili più si raccattano punti. E il pianeta Terra, dobbiamo ammetterlo, è il jackpot. Non sto a dirvi adesso come e perché noi terrestri siamo stati espulsi dalla Federazione Galattica. Lo scoprirete man mano. E non ho neanche tanta voglia di soffermarmi sul giovane kruhlliano perché, come scoprirete, non è il suo viaggio lo scopo della narrazione ma ciò che ha scatenato il suo naufragio. Un enorme, gigantesco casino. E una improbabile storia d’amore.”
Un racconto esilarante, surreale, ricco di colpi di scena sulle avventure-disavventure di alcuni alieni dispersi in un pianeta ostile.
Il nostro

L’AUTORE
Mirko Raffazzi Drago è un famoso pseudo-ufologo, e ordinario di Archeoastrologia. È riconosciuto come uno dei maggiori contattisti mondiali.
Mirko nasce nel 1958 a Donston, nel Pembrokeshire (UK) da madre gallese e padre italiano. Sin da piccolo rimane stregato dai menhir dei quali i siti della zona erano ricchissimi. La sua indole vivace e curiosa lo porta ad effettuare innumerevoli e frequenti viaggi in tutto il mondo e a conseguire tre lauree in campi molto diversi tra loro.
Le sue specializzazioni interdisciplinari e la conoscenza dei più innovativi metodi di indagine hanno permesso a Raffazzi Drago di ottenere informazioni preziose da reperti archeologici, biologici e siderali. Ha condotto ricerche presso innumerevoli siti, tra i quali Moenjo Daro, Giza, Palenque, Tikal, Angkor, Ayutthaya, Aleppo e Troia. Ha esplorato il deserto del Gobi, il Sahara, la Siberia, la giungla amazzonica e New York, ha collaborato con innumerevoli enti, università, network, case editrici e magazine.

FAVOLA DI NEW YORK, IL FANTASY DI VICTOR LAVALLE

Favola New York Victor LaValle fantasy andrea bindella un nuovo nemico

Un romanzo in cui una modernissima New York si sospende per lasciare spazio al mito e alla leggenda.

 

Victor LaValle è l’autore vincitore dello Shirley Jackson Award 2016 per il piccolo gioiello “La ballata di Black Tom”, una novella fantasy/horror pubblicata nel 2016 che rivisita “L’orrore a Red Hook” di H.P. Lovecraft, immergendolo nella realtà degli afroamericani della New York degli anni Venti.

QUARTA DI COPERTINA
Il piccolo Apollo, figlio della New York di oggi, cresce con la madre, giovane single di origini ugandesi. Il padre, che è sparito nel nulla, gli ha lasciato solo una scatola di libri e uno strano incubo ricorrente. Da grande, Apollo diventa un commerciante di libri antichi e si innamora della bibliotecaria Emma, insieme alla quale ha presto un figlio. Ma il nuovo arrivato incrina l’idillio della coppia: lui rivive l’abbandono del padre e, alle prese con i propri fantasmi, fatica a comprendere che in lei qualcosa è cambiato. Emma si comporta in modo strano, è sempre più distante e insofferente fino a quando, un giorno, compie un gesto indicibile. Quanto possono essere oscuri i segreti delle persone che più amiamo? Inizia così l’avventura di Apollo alla ricerca della verità su quell’atto terribile: un viaggio che lo porterà su un’isola misteriosa nel cuore della metropoli dove accadono cose al di là di ogni immaginazione e dove la vita quotidiana in una modernissima New York si sospende per lasciare spazio al mito e alla leggenda.

L’AUTORE
Victor LaValle è uno scrittore statunitense specializzato in narrativa fantasy e di fantascienza.
Nato il 3 febbraio 1972 a New York e cresciuto nei quartieri di Flushing e Rosedale, si è laureato in inglese alla Cornell University, specializzandosi in scrittura creativa alla Columbia University.
Dopo l’esordio nel 1999 con la raccolta di racconti Slapboxing with Jesus: Stories, ha pubblicato 5 romanzi e una graphic novel spaziando dal fantasy alla fantascienza, passando per l’horror.
Tra i numerosi riconoscimenti letterari ottenuti si segnalano un Premio World Fantasy e un Premio Locus entrambi ottenuti nel 2018 per Favola di New York.
Insegnante presso la Columbia University, vive e lavora con moglie e figli a Washington Heights.

RESPIRO, LA RACCOLTA DI RACCONTI DI TED CHIANG

respiro ted chiang andrea bindella fantascienza terra 2486 anima sintetica inganno imperfetto

La nuova raccolta dell’autore americano comprenderà anche diverse storie vincitrice del premio Hugo.

 

QUARTA DI COPERTINA
L’universo ha avuto origine da un immenso respiro trattenuto. Perché non si sa, ma quale che ne sia stato il motivo, mi fa davvero piacere sia andata così, se sono vivo lo devo infatti a quel fenomeno. Tutti i miei desideri e le mie riflessioni non sono altro che vortici d’aria generati dalla successiva e graduale espirazione dell’universo. E finché questa grande espirazione non avrà termine, i miei pensieri continueranno a vivere. Nel racconto che dà il nome alla raccolta, il protagonista è uno scienziato che fa una scoperta impossibile sulla propria esistenza. E chiude proprio con un’esortazione che contiene la poetica dell’autore: «Anche se quando mi leggerai, esploratore, io sarò morto da tempo, mi congedo adesso rivolgendoti un invito: contempla la meraviglia che è l’esistenza e rallegrati di poterlo fare. Mi sento in diritto di dirtelo. Mentre scrivo queste parole, infatti, io sto facendo lo stesso.» In questo uso della fantascienza come contenitore dei sentimenti e dei pensieri umani, Chiang è degno erede di Philip K. Dick. Nelle altre otto storie che compongono la raccolta ci sono sempre personaggi fuori dall’ordinario, che sperimentano la vita in dimensioni diverse dalla nostra. Come nel Mercante e il portale dell’alchimista, il racconto che apre la raccolta, in cui un varco temporale costringe un venditore di stoffe nell’antica Baghdad a fare i conti con i propri errori e gli offre il modo di rimediare. Come in tutte le sue opere, Chiang sfiora la fantascienza immaginando mondi diversi, intelligenze artificiali, forse viaggi nel tempo e mette sul tavolo temi umanissimi: il valore della vita, l’ineluttabilità, la paura e il dolore della morte, la necessità della memoria, la ricchezza salvifica del sapere, e volere, comunicare.

L’AUTORE
Ted Chiang è uno scrittore statunitense di narrativa fantastico-fantascientifica. Nato a Port Jefferson nello stato di New York nel 1967, si è diplomato alla Brown University con una laurea in informatica. Risiede a Bellevue, vicino Seattle, Washington, dove lavora come scrittore tecnico per l’industria del software.
Ted Chiang ha pubblicato nel settembre del 2007 un racconto breve dal titolo Il mercante e il portale dell’alchimista che si è aggiudicato i premi Nebula e Hugo per quell’anno. Nel 2009 il suo racconto successivo, Respiro, il 27 giugno dello stesso anno si è aggiudicato il Premio Locus per la sua categoria, seguito il 10 agosto dal Premio Hugo.
Nel luglio 2010 ha pubblicato per la casa editrice Subterranean Press un romanzo breve dal titolo Il ciclo di vita degli oggetti software che dopo essersi aggiudicato il Premio Locus per la categoria gli è valso il suo quarto Premio Hugo.
Ted Chiang è mancino, si dichiara ateo e il suo nome cinese è Chiang Feng-nan.

INSTAGRAM SALVA LE LIBRERIE INDIPENDENTI

Books Are Magic librerie andrea bindella fantasy fantascienza thriller

Instagram grazie alle fotografie è il luogo ideale per condividere la passione per i libri per questo ne hanno beneficiato le librerie indipendenti.

 

Tra eBook e Amazon si è spesso temuto che potesse arrivare una forte crisi per il mondo delle librerie, invece hanno saputo sfruttare la tecnologia per trarne dei vantaggi. Instagram infatti ha portato un buon beneficio al mondo del libro cartaceo ridando linfa al mercato delle librerie indipendenti di tutto il mondo.

Sono nove anni che abitualmente condividiamo su Instagram i diversi aspetti delle nostre vite sotto forma di fotografie. Negli altri social siamo più sbrigativi ma qui ci ritroviamo a scattare decine di foto prima di scegliere quella giusta da postare. Per non parlare dei filtri da applicare, della giusta luce o della migliore angolazione.
In questo “strano” nuovo mondo il LIBRO ha trovato un luogo ideale dove poter apparire in tutti i suoi profili migliori. Ci sono moltissimi hashtag dedicati soltanto a lui e che vantano milioni di scatti provenienti da tutto il mondo.

Non si sa di preciso cosa porti i lettori a scattare tutte queste foto, forse la bellezza delle copertine, forse l’immaginario che ogni libro racchiude in sé o forse perché c’è finalmente un’APP facile da usare e adatta a condividere con “facilità” questa nostra passione per i libri.

Chi ne ha beneficiato sono state proprio le librerie indipendenti, che nel mondo occidentale sono in aumento e spesso vengono preferite dai lettori rispetto a quelle grandi. In Italia sebbene il mercato del libro tenda ad arrancare rispetto agli altri paesi europei, i dati Istat del 2018 mettono in luce come i lettori si affidino sempre di più a piccole librerie indipendenti, dove è più facile instaurare un rapporto di fiducia con i librai e ritrovare una dimensione più intima e personale della lettura. Soprattutto nelle grandi città le piccole librerie hanno cominciato a creare angoli suggestivi, atmosfere e ambienti fotografabili che attirano giovani lettori.

La libreria “Books Are Magic” a New York è una delle mete preferite degli amanti dei libri perché mette a disposizione un bellissimo Instagram Wall. È arrivata così ad avere 94.000 followers, un numero molto alto per una libreria indipendente. Books Are Magic è diventato un vero e proprio lifestyle brand per lettori, una vera e propria community di booklover. Dunque Instagram ha contribuito a togliere i libri dagli scaffali polverosi e dalla percezione scolastica che molti hanno.