LE SIGNORE DEL DELITTO, TRE CASI ECCEZIONALI PER TRE DONNE STRAORDINARIE

signore delitto thriller un nuovo nemico compagno ideale bindella vita jd3d

Chi sono le signore del delitto? La domanda può suonare un tantino pomposa, ma la risposta, in fondo, è semplice.

Sono esseri appartenenti a un genere anfibio, che sta a metà tra le signorine omicidi, tanto amate dai lettori del giallo, e una pletora di donne più o meno normali (alcune poi non tanto, come vedremo) che devono improvvisarsi investigatoci per risolvere un crimine in cui sono direttamente coinvolte. Quali che siano le loro professioni, che siano funzionane di polizia, amiche di detective, investigatoci private o persone che non avevano mai svolto un’indagine prima di essere implicate in qualche malefatta, le signore del delitto rivelano una tempra non comune, un carattere energico e volitivo che le pone spesso al di sopra della loro controparte maschile, dimostrando alla resa dei conti che il femminismo, anche se in una sua versione soft e simpaticamente edulcorata, era già all’opera nel poliziesco di un secolo fa.

QUARTE DI COPERTINA
La collana di smeraldi di Edgar Wallace:
un carcerato torna in libertà giurando vendetta per una condanna ingiusta, e ben presto viene rinvenuto il cadavere del “vero colpevole”. Giustizia è stata fatta? A Leslie Maughan, funzionaria di polizia, il compito di fare luce sui tanti, troppi punti oscuri della vicenda.
L’angelo nero di Cornell Woolrich:
che suo marito ha una relazione, Alberta lo scopre un po’ alla volta. E quando riesce a dare un nome all’amante sconosciuta, il suo istinto la spinge ad andare da lei, ma la trova morta. Vedere lui arrestato è uno shock ancora più forte. Pur di dimostrarne l’innocenza, ora Alberta è disposta a tutto.
La signora dal grande cappello di Baronessa Orczy:
un uomo viene assassinato in un locale con una dose di morfina. In sua compagnia è stata vista una donna. Unico indizio, la presunta avvelenatrice portava un monumentale cappello di velluto nero. Per lady Molly, investigatrice di Scotland Yard, potrebbe essere sufficiente (thrillermagazine.it/17556/le-signore-del-delitto).

 

il compagno ideale andrea bindella valentina vita umorismo fantascienza racconti home dj3d                   anima sintetica fantascienza cyborg andoridi avventura andrea bindella home 4hd3

terra 2486 fantascienza cyborg andoridi avventura andrea bindella home 4hd3                un nuovo nemico fantasy thriller vampiri andrea bindella home 4d5f

IL MARCHIO DELLA REGINA DI ALEN GRANA

marchio regina fantasy un nuovo nemico compagno ideale bindella vita 3dj3i

E’ il quarto volume della saga fantasy-piratesca I Signori delle Balene.

“Sangue che sfama
Seme che cresce
sul fondo del mare
S’alza il gigante:
Acqua che arretra
Legno che avanza,
della Regina inizia la danza.
Lo sa il mare”

QUARTA DI COPERTINA
Il sacrificio di Re Cuore di Sabbia non ha fermato il piano delle Sei Famiglie e Baliìa, la Regina oscura del sangue e del legno, è rinata a nuova vita. L’Impero di Baliìa oscura il mare e tutte le terre emerse, senza lasciare scampo a nemici o alleati. Nel clima di terrore che si è generato si muovono cinque gruppi di persone intenti a fare di tutto per porre fine una volta per tutte al suo dominio. Ma non tutti agiscono per il bene.

L’AUTORE
Alen Grana nasce nel 1980 e fin da piccolo sviluppa una forte propensione al nerdismo. Giochi di ruolo, ascolta metal, smanetta sui videogiochi, è quasi un secchione… sintomi più che caratteristici. Il problema è che con la crescita tutto questo non cambia. Si diploma e lavora come geometra ma coltiva la passione per la musica, libri, fumetti, spade laser e serial tv. Nel 2013 impazzisce, si iscrive a un corso di scrittura creativa tenuto dallo scrittore bolognese Gianluca Morozzi. Nel 2014 pubblica con LaPiccolaVolante I Signori delle Balene, primo libro dell’omonima saga fantasy/piratesca. Negli anni successivi escono in successione La Foglia Nera (2015) e Il Canto della Mangrovia (2016). Nel 2018 il quarto (e penultimo) libro della saga, Il marchio della Regina. Attualmente sta lavorando alla sceneggiatura di diversi spin-off seriali a fumetti dedicati ai singoli personaggi della saga (fantasymagazine.it/29587/il-marchio-della-regina).

 

il compagno ideale andrea bindella valentina vita umorismo fantascienza racconti home dj3d             anima sintetica fantascienza cyborg andoridi avventura andrea bindella home 4hd3

terra 2486 fantascienza cyborg andoridi avventura andrea bindella home 4hd3             un nuovo nemico fantasy thriller vampiri andrea bindella home 4d5f

L’ANNO DELL’ORACOLO. LA CONOSCENZA PUÒ UCCIDERE

anno oracolo un nuovo nemico il compagno ideale valentina vita bindella fantasy racconto 55tg

108 profezie. Un anno di tempo. Un destino ancora da scrivere.

“L’anno dell’Oracolo. La conoscenza può uccidere” è un romanzo distopico d’esordio di Charles Soule, già autore di fumetti per Marvel, DC e Image.

QUARTA DI COPERTINA
Non sa come sia successo. Will sa solo che, un mattino, si è svegliato di soprassalto con in testa le immagini di 108 eventi che si verificheranno nel corso dell’anno.
All’inizio, Will non crede che siano profezie. Poi le prime si avverano. E allora lui decide di pubblicarne alcune su un sito, firmandosi l’Oracolo.
La reazione è immediata: il Sito viene inondato di messaggi, da quelli di persone comuni ansiose di scoprire il proprio futuro a quelli di multinazionali che pagherebbero qualsiasi cifra in cambio di previsioni in esclusiva. Ma non solo. Will comincia a ricevere anche diverse minacce. Così, in brevissimo tempo, Will si ritrova nel mirino di hacker e killer professionisti.
E, mentre il cerchio intorno a lui si stringe e la lista di persone di cui può fidarsi si assottiglia,
Will si rende conto con orrore che le 108 profezie sono collegate tra loro e, se nessuno riuscirà a spezzare quella catena di avvenimenti, il mondo intero sarà in pericolo.

L’AUTORE
Charles Soule è nato negli Stati Uniti, ma si è trasferito in Asia quando era ragazzo. Ha vissuto a Hong Kong, Manila e Singapore, prima di tornare in America, dove ha iniziato a collaborare con diverse case editrici, tra cui Marvel, DC e Image. È autore di molti fumetti di successo, tra cui Daredevil, She-Hulk, La morte di Wolverine e diversi albi di Star Wars. Attualmente vive a New York (fantasymagazine.it/29579/l-anno-dell-oracolo-la-conoscenza-puo-uccidere).

 

il compagno ideale andrea bindella valentina vita umorismo fantascienza racconti home dj3d          anima sintetica fantascienza cyborg andoridi avventura andrea bindella home 4hd3

 

terra 2486 fantascienza cyborg andoridi avventura andrea bindella home 4hd3                un nuovo nemico fantasy thriller vampiri andrea bindella home 4d5f

LA PRINCIPESSA E I GOBLIN

Torna il grande classico di George MacDonald, ricco di inventiva e di humour, che ci apre le porte di una terra incantata, popolata da personaggi indimenticabili.

Ritenuto uno dei padri della letteratura fantasy, nonché ispiratore di autori come C.S. Lewis o J.R.R. Tolkien, dopo essersi trasferito a Londra ed essere stato nominato pastore in una chiesa congregazionalista, iniziò a dedicarsi alla scrittura, in particolare di romanzi fantastici, alcuni dei quali divenuti autentici classici della letteratura per ragazzi, come La principessa e i goblin e Sulle ali del vento del Nord.

QUARTA DI COPERTINA
La principessa Irene vive in un castello situato in una verde vallata ai piedi di una montagna. Un giorno di pioggia, mentre si aggira per i corridoi nel tentativo di scacciare la noia, scopre una scala nascosta, che sale fino alla stanza più lontana della torre più alta. Qui avviene l’incontro con la sua trisavola, una specie di fata bellissima e apparentemente senza età che, all’insaputa di tutti, vive lassù in una camera meravigliosa e passa le sue giornate all’arcolaio tessendo fili magici.
Nel frattempo Curdie, il giovane figlio di un minatore, mentre è al lavoro nelle viscere della montagna, scopre un diabolico piano dei goblin, le subdole creature che si annidano nel sottosuolo. Rifugiatisi secoli prima in caverne scavate nella roccia per protesta contro le leggi del regno, ora tramano per distruggerlo; non solo, hanno anche intenzione di rapire Irene e darla in sposa al loro principe! Non c’è tempo da perdere, e Curdie si mette subito all’opera per proteggere la principessa, ma, nonostante il suo coraggio e la sua astuzia, avrà bisogno di lei e del dono magico fattole dall’antenata per vanificare le malvagie trame dei goblin.

L’AUTORE
George MacDonald (1824-1905), scrittore e poeta scozzese, amico e mentore di Lewis Carroll. Nel 1879, dopo aver lavorato come docente alla University of London e aver tenuto un ciclo di conferenze negli Stati Uniti, si trasferì con la famiglia in Italia, a Bordighera, dove rimase una ventina d’anni. Al volgere del secolo, duramente provato da una serie di lutti familiari, fece ritorno in Inghilterra, dove morì nel 1905 (fantasymagazine.it/29490/la-principessa-e-i-goblin).

Dracula – Bram Stoker

Nato a Clontarf, un villaggio costiero vicino a Dublino in Irlanda (allora facente parte del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda), fino all’età di otto anni fu incapace di alzarsi in piedi a causa del cagionevole stato di salute. La malattia e la mancanza di forze segnarono in maniera indelebile la sua attività letteraria. Il sonno senza fine e la resurrezione dei morti, due temi centrali del suo Dracula, furono di grande importanza per Stoker, costretto a trascorrere la maggior parte della sua infanzia in un letto.

La sua guarigione apparve miracolosa ai medici che lo avevano in cura. Da quel momento Stoker condusse una vita normale, riuscendo addirittura ad eccellere nelle specialità sportive durante gli anni trascorsi all’università di Dublino.

Edgar Allan Poe – Il Gatto Nero

LE TRE BAMBINE UN THRILLER DI JANE CORRY

Un legame tra sorelle spezzato per sempre a causa di una vita intera di bugie. Dall’autrice bestseller de La nuova moglie, un thriller che vi terrà incollati alle pagine, che esplora le terribili ambiguità dei legami, e la potenza rovinosa delle bugie.

QUARTA DI COPERTINA
Vetrate artistiche. È una delle passioni di Alison ?- una delle cose che sa fare meglio e che ama insegnare agli studenti dei suoi corsi d’arte in un college di Londra. Corsi con cui riesce a malapena a sbarcare il lunario. Forse per questo, quando un giorno vede l’annuncio di un lavoro come insegnante d’arte in una prigione maschile, spinta da un richiamo che neanche lei capisce fino in fondo, decide di candidarsi e, quando le offrono il posto, accetta. Molto presto, però, comincia a ricevere strani messaggi, i messaggi di qualcuno che sembra osservare ogni sua mossa.
Urlare, scappare. È quello che vorrebbe fare Kitty in ogni momento della sua giornata, ma i danni al cervello che ha riportato in un incidente di molti anni fa glielo impediscono. Vive in un istituto, costretta su una sedia a rotelle, non sa che cosa le sia successo, cosa l’abbia portata fin lì. Ma i pensieri, dentro il suo cervello bloccato, sono chiarissimi, e adesso che anche la memoria sta tornando certe immagini riaffiorano più potenti che mai.
C’è qualcuno là fuori che conosce il segreto di Alison, e anche quello di Kitty. Qualcuno che sa che nulla delle loro vite è davvero come sembra. Qualcuno che conosce il legame tra loro. Un legame vecchio di molti anni, che nulla potrà mai spezzare. Perché c’è qualcosa di cui solo loro due sono a conoscenza, il demone che entrambe, ora, dovranno affrontare.

INCIPIT
Attenta. Non conta la dimensione, ma il taglio. L’angolazione. La lama deve incidere, non graffiare.
Guardo il frammento di vetro blu alla luce della finestra. È dello stesso colore di certe bottiglie allineate sugli scaffali delle vecchie farmacie. Un bel taglio netto. Non pezzi appuntiti da limare, operazione che è sempre rischiosa. È facile che delle schegge finiscano sulla pelle o sui vestiti.
O nella mente.
Adesso, la prova del nove. Il vetro si incastrerà nell’intelaiatura di piombo? Durante questa operazione il mio cuore batte sempre all’impazzata, come se fosse una questione di vita o di morte. È sciocco, lo so, ma non posso farci niente. Arrivata a questo punto, non voglio sbagliare. Non tanto per paura di sprecare il vetro, quanto per il tempo che ci ho dedicato.
Ogni attimo della nostra vita è prezioso. E io lo so bene.
«Le dispiace aiutarmi, signora Baker?»
«Signorina» correggo, alzando lo sguardo dal mio lavoro. «Per favore, però, chiamami Alison come fanno gli altri.»
Il nuovo allievo che ho di fronte sembrerebbe un po’ più giovane della maggior parte dei suoi compagni. E anche più alto. È imponente senza essere grasso. A occhio e croce mi supera di un palmo, quindi è oltre il metro e novanta.
Da bambina mi prendevano in giro perché ero la più alta della classe. Facevo di tutto per sembrare più bassa, ma senza troppo successo. «Raddrizza la schiena» mi implorava la mamma. Anche se lo diceva per il mio bene, io volevo soltanto mimetizzarmi, non dare nell’occhio e nascondere il naso un po’ troppo grosso (o “greco”, come lo definiva con gentilezza mia madre), gli occhiali dalla spessa montatura marrone e l’apparecchio per i denti. Mia sorella, invece, aveva un corpo perfetto e, grazie alla sua innata sicurezza, era sempre composta.

L’AUTRICE
Jane Corry, scrittrice bestseller in Inghilterra e in USA, dove con i suoi thriller raggiunge i primi posti in classifica, è l’autrice de La nuova moglie. Scrive per diversi giornali inglesi, tra cui “The Times” e “The Daily Telegraph”, e ha lavorato anche come insegnante di scrittura in una prigione di massima sicurezza – esperienza che spesso ritorna anche nei suoi thriller (thrillermagazine.it/17454/le-tre-bambine).

LEGEND UN FANTASY DI V.E. SCHWAB

Dopo “Magic”, Victoria Schwab prosegue con “Legend”: la storia di Kell e Delilah in una Londra diversa da quella che conosciamo.

Dopo la Notte Nera, una nuova minaccia incombe su Londra Grigia, Londra Bianca e Londra Rossa. Sono passati quattro mesi da quando Kell ha trovato la pietra nera. Quattro mesi da quando ha incrociato il suo cammino con quello di Delilah, Rhy è stato ferito e i terribili gemelli Dane sono stati sconfitti. Ma, soprattutto, quattro mesi da quando la terra ha inghiottito il corpo di Holland insieme alla pietra, trascinandoli per sempre a Londra Nera. Le vite di Rhy e Kell ora sono indissolubilmente legate: se Kell muore, muore anche Rhy. Di notte, gli incubi perseguitano Kell con le immagini vivide degli eventi magici che si sono susseguiti e con il ricordo di Lila, sparita come era sua intenzione sin dall’inizio. Intanto, mentre a Londra Rossa fervono i preparativi per i Giochi degli Elementi, una competizione magica internazionale, un’altra Londra si sta lentamente risvegliando. Come un’ombra che, invece di dissolversi al mattino, accresce la sua oscurità, Londra Nera sta nuovamente interferendo con l’equilibrio magico. E per ripristinare l’ordine è necessario che un’altra Londra cada.

L’AUTRICE
V.E. Schwab è un’autrice statunitense di romanzi per ragazzi e Young Adult. Dal 2011, hanno di pubblicazione del suo primo romanzo, ha pubblicato sedici opere. Molto amata da critica e pubblico, sta attualmente collaborando con la Sony Pictures alla stesura della sceneggiatura per il film tratto da “Magic”, il romanzo con cui ha iniziato la serie “Shades of Magic”. “Legend” è il secondo romanzo della serie, di cui fa parte anche “A Conjuring of Light” (fantasymagazine.it/29232/legend).

INGIUSTIZIA TOTALE UN THRILLER DI SCOTT PRATT

La giustizia è fragile come la vita e casuale come la caduta di un fulmine.

Nel terzo capitolo della serie che lo vede protagonista, Joe Dillard è alle prese con una complessa storia di avidità, tradimenti, abusi di potere e omicidi che metterà in crisi la sua stessa idea di giustizia.

QUARTA DI COPERTINA
La notizia del suicidio dell’avvocato Ray Miller sconvolge il viceprocuratore distrettuale Joe Dillard. La vista del corpo senza vita del suo amico fraterno impiccato a un albero scatena in lui una rabbia e un senso di rimorso tali da spingerlo a cercare a ogni costo la verità. Perché Ray si è tolto la vita? C’è forse qualcos’altro dietro la sua morte? Nel frattempo, Dillard è chiamato a indagare sulla misteriosa scomparsa di una giovane dipendente dell’ufficio del procuratore distrettuale, un caso più intricato di quanto le premesse facciano ipotizzare… Le indagini sulla morte di Ray procedono intanto serrate, ma le piste tracciate convergono in un punto di fuga che Dillard non avrebbe mai immaginato. A essere coinvolti sono gli affetti più cari della vittima, persone che lui non avrebbe mai sospettato potessero macchiarsi di un crimine tanto efferato. Ormai a un passo dalla risoluzione del caso, Dillard sente di aver superato il limite oltre il quale la sete di giustizia rischia di travolgere l’esistenza delle persone che ama. Ma non ha scelta: la verità è dietro l’angolo, deve solo trovare il coraggio di guardarla negli occhi.

INCIPIT
Il mio nome è Joe Dillard e sono appoggiato a una recinzione di metallo mentre guardo una partita di baseball al liceo Daniel Boone di Gray, nel Tennessee, durante una giornata spettacolare e piena di sole all’inizio di maggio. Il cielo è azzurro e senza nuvole, una leggera brezza soffia sul campo e il profumo dell’erba tagliata riempie l’aria.
Siamo in cinque ad assistere all’incontro da quel punto, accanto al palo che determina se un lancio è valido: io, mia moglie Caroline, la sua migliore amica Toni Miller, il mio, di migliore amico, Ray Miller (marito di Toni) e Rio, il nostro pastore tedesco. I Dillard e i Miller guardano i loro figli giocare insieme a baseball da dieci anni, alternando la gioia per le loro vittorie all’agonia delle sconfitte. Rio è relativamente un novellino — è con noi solo da tre anni — ma pare godersi le partite tanto quanto noi.
Io e Ray Miller abbiamo molto in comune. Siamo entrambi avvocati. Dopo molti anni in cui abbiamo esercitato come difensori penalisti sono passato all’accusa, mentre Ray è rimasto in quello che ora io definisco ‘il lato oscuro’. Lo prendo in giro regolarmente sul fatto che difende canaglie, ma so che lo fa per le giuste ragioni e per questo lo rispetto. Non imbroglia, non mente, non prova a usare trucchi. Tende a vedere le cose in bianco e nero, un po’ come me. Entrambi disprezziamo gli abusi di potere, in particolar modo da parte di giudici, anche se Ray a riguardo ha il dente più avvelenato di me. Abbiamo circa la stessa età ed entrambi siamo devoti alle nostre famiglie.
Guardiamo la partita da quella posizione fuori dal campo, lontano da genitori e giocatori perché non vogliamo distrarre i nostri figli. Non gridiamo loro come gli altri, non critichiamo gli arbitri o gli allenatori. Guardiamo e ci preoccupiamo. Se succede qualcosa di bello, esultiamo. Se succede qualcosa di brutto, ci accigliamo.
Mio figlio, Jack, è il battitore migliore della squadra Boone. Il figlio di Ray, Tommy, è il miglior lanciatore. Il novembre scorso entrambi hanno firmato lettere per poter continuare la loro carriera sportiva nella Prima Divisione del college. Jack ha firmato per la Vanderbilt e Tommy per la Duke. È stato uno dei momenti della mia vita di cui vado più fiero.

L’AUTORE
Scott Pratt ha scritto per quasi tutta la sua vita.
Ha iniziato come collaboratore di una pubblicazione di scuola superiore, poi ha vinto il McClellan Award per la scrittura straordinaria mentre si è laureato in inglese presso la Tennessee State University.
In seguito ha lavorato come giornalista, editorialista e redattore di giornali su Johnson City e Kingsport, nel Tennessee. Scott ha conseguito una laurea in giurisprudenza presso l’Università del Tennessee nel 1998 dopo aver percorso oltre duecento miglia al giorno per tre anni (thrillermagazine.it/17482/ingiustizia-totale).

SHADOWBLACK: LA DAMA BENDATA

Tornano i protagonisti di Shadowblack di Sebastien De Castell.

Un giovane mago senza magia marchiato dal male, un feliscoiattolo con una spiccata propensione per il furto e l’omicidio e una donna misteriosa che possiede un mazzo di carte in grado di cambiare i destini?.

QUARTA DI COPERTINA
Dopo mesi in fuga dalla sua stessa gente, Kellen deve prendere atto che come fuorilegge se la cava ancora peggio che come mago. Nelle inospitali terre di frontiera per un ragazzo non è facile tenersi lontano dai guai, soprattutto se ha per compagni di viaggio una giocatrice di carte che ama fare la sbruffona e un feliscoiattolo con il brutto vizio di rubare.Quando la sua strada si incrocia con quella di una misteriosa ragazza bendata di nome Seneira, le cose si complicano ulteriormente, e Kellen si ritrova a indagare su una cospirazione ordita da maghi senza scrupolo.Smascherare i responsabili è l’unico modo per impedire la diffusione di una pestilenza magica che il giovane fromboliere conosce molto bene: l’ombranera.

L’AUTORE
Il canadese Sebastien De Castell si era appena laureato in archeologia quando cominciò a lavorare al suo primo scavo. Quattro ore dopo realizzò quanto odiasse fare l’archeologo e abbandonò tutto per focalizzarsi sulla carriera di musicista, poi difensore civico, quindi interaction designer, coreografo di combattimenti per il teatro, insegnante, project manager e infine attore. La sua unica difesa contro le accuse di dilettantismo è che gli piaceva seriamente fare tutte quelle cose e che, in un modo o nell’altro, ognuna ha un ruolo nella sua scrittura. Acclamato autore fantasy, è stato finalista al David Gemmell Morningstar Award del 2015 con Traitor’s Blade, il romanzo con cui aveva esordito l’anno prima. La saga Shadowblack è composta da Il fuorilegge (2017), La dama bendata (2017), Charmcaster (2018), Soulbinder (2018), Queenslayer (in corso di scrittura) e dal racconto The Dowager Magus, inviato gratuitamente dall’autore (dl.bookfunnel.com/8h414ypnaz) a tutti coloro che ne fanno richiesta (fantasymagazine.it/29250/la-dama-bendata-shadowblack).