L’ALTRA REALTA’ È UN ROMANZO FANTASCIENTIFICO DI HENRY KUTTNER

Dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale, il mondo si trova all’interno di un nuovo conflitto tra Statunitensi e Falangisti (abitanti dell’europa).

Durante questo scontro, gli scienziati DuBrose e Pell vengono incaricati di risolvere un’equazione in grado di conferire immensi poteri a chi la comprende. Ben presto scoprono la pericolosità dello studio di tale equazione, in quanto il suo studio risulta in grado di fare impazzire o suicidare tutti coloro che tentano di comprenderla.

E’ un romanzo molto particolare perché si parlerà di questa “equazione” per tutta la durata del libro ma non verrà mai svelata dall’autore.

QUARTA DI COPERTINA
Quando vi svegliate e il sole non è al suo posto, quando guardate dal buco della serratura e un Occhio vi spia mostruosamente dall’altra parte, quando avete l’impressione che un complotto pazzesco sia stato organizzato contro di voi, il paese in cui vivete, e l’intero pianeta, non correte subito dallo psichiatra. C’è il caso che le vostre non siano allucinazioni, c’è l’orrenda possibilità che i vostri non siano soltanto incubi. Allora che fare? Rassegnatevi al fatto che siete entrati nell’Altra Realtà e preparatevi a vender cara la pelle.

L’AUTORE
Henry Kuttner (7 aprile 1915 – 4 febbraio 1958) è stato un autore di fantascienza, fantasy e horror statunitense.
Per quanto Kuttner non abbia scritto solamente fantascienza, l’importanza della sua produzione in quel genere ne fa un esponente di un certo rilievo dell’Età d’oro della fantascienza. Assieme alla moglie e collega C. L. Moore utilizzò lo pseudonimo collettivo di Lewis Padgett.
Gli è stato riconosciuto il premio postumo Cordwainer Smith Rediscovery Award 2004.

Henry Kuttner nacque a Los Angeles, in California nel 1915. Suo padre era Henry Kuttner (1863–1920), i cui genitori Naphtaly Kuttner (1829–1904) e Amelia Bush erano immigrati dalla Prussia e vissero a San Francisco fin dal 1859; i genitori della madre, Annie Lewis (1879–1954), provenivano dalla Gran Bretagna. Kuttner crebbe tra ristrettezze a seguito della morte del padre. Da giovane lavorò per l’agenzia letteraria di suo zio[2], Laurence D’Orsay, a Los Angeles prima di vendere il suo primo racconto, “I ratti del cimitero”, a Weird Tales all’inizio del 1936.
Questo racconto, spesso ripubblicato in antologie, è apparso recentemente nella raccontaThe Gruesome Book (1983, Piccolo/Pan Books) a cura di Ramsey Campbell, e Weird Tales – Seven Decades of Terror (1997, Barnes and Noble Books).
Anche altri racconti di Kuttner hanno tinte derivanti dagli orrori pagani di H. P. Lovecraft. “I ratti del cimitero” è stato anche adattato come parte di un film televisivo a episodi, Trilogy of Terror II. L’idea centrale del racconto di ratti mostruosamente grandi è stata usata anni più tardi in diversi romanzi e film, tra i quali i ratti acromegalici nella versione cinematografica del racconto di H. G. Wells Il cibo degli dei, e in Secondo turno di notte (1970) di Stephen King, che tratta di una colonia di ratti mutati sotto una fabbrica tessile.
Henry Kuttner s’impegnò alla metà degli anni cinquanta nel conseguimento di un master universitario, prima di morire di infarto a Los Angeles nel 1958.

STAY CURIOUS!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...