NON ENTRATE IN QUELLA CASA, UN THRILLER DI ROMY FÖLCK

non entrate casa thriller un nuovo nemico andrea bindella fantasy

Un bestseller in Germania con 400 mila copie vendute.

 

QUARTA DI COPERTINA
Ci sono rimorsi di cui non ti libererai mai.
Una notte d’autunno un uomo finisce in coma dopo aver subito un brutale pestaggio. Si tratta del padre della poliziotta Frida Paulsen, che frequenta l’accademia lontano dal suo paese natale. Allarmata dalle condizioni di suo padre, nonostantei loro rapporti freddi, Frida fa ritorno nell’Elbmarsch. Rimettere piede in quei luoghi significa riaprire vecchie ferite mai cicatrizzate, le stesse che il commissario di polizia criminale Bjarne Haverkorn – che indaga sul caso di suo padre – condivide. Sono trascorsi quasi vent’anni dal loro ultimo incontro, quando la migliore amica di Frida, Marit, venne assassinata in una stalla. Il colpevole non fu mai trovato e Haverkorn non si è mai perdonato per non aver saputo fare giustizia. È così che i due cominciano a collaborare, raccogliendo gli indizi sulla misteriosa aggressione al padre di Frida, fino a scoperchiare orrori del passato e riportare alla luce verità terribili. Perché ci sono segreti in grado di sconvolgere ogni cosa, persino dopo tanti anni.

INIZIO DEL ROMANZO
AMBURGO, AGOSTO 1998
Guardò il Nokia che vibrava nella sua mano, lo mise in tasca, poi lo ritirò fuori e prese la chiamata. Annuiva, in mezzo ai piedi delle infermiere che erano costrette a girargli intorno con passi frenetici. Haverkorn non si spostò, ascoltava in silenzio, poi disse: «Okay, arrivo», e attaccò. Rimase a lungo a fissare il corridoio brillante dove pochi minuti prima era passata sua moglie. Nulla era mai stato tanto devastante quanto quella sensazione di definitività che aveva provato mentre lei lo salutava con un bacio. Non si era mai sentito così tradito.
Venti minuti più tardi lasciò la città a bordo della sua auto. Il paesaggio piatto lo tranquillizzava. Si muoveva in modo meccanico: frizione, acceleratore, freno. Non pensava a nulla, non provava niente. Un vuoto che lo distolse dalla tentazione di lanciare la macchina contro uno degli alberi ai lati della strada. Costeggiò per un paio di chilometri la diga, attraversò un ponte girevole e a un certo punto svoltò nella strada sterrata che gli aveva descritto al telefono l’interlocutore. Gli abitanti del Marsch la chiamavano “il sentiero della morte”. Come se volessero prenderla in giro.
«Abbiamo finito. Puoi entrare, Bjarne », lo salutò il capo della Scientifica.
Haverkorn gli fece un cenno con la testa. Scavalcò il nastro, che frusciava piano al vento. Le nuvole erano diventate più scure da quando era uscito da Amburgo. Sarebbe venuto a piovere. Era già piovuto tutto luglio, e agosto non era cominciato poi tanto meglio.
In silenzio i colleghi gli lasciarono il posto. Sui loro visi orrore e perplessità. Restò per un momento in piedi di fronte alla porta aperta che conduceva al luogo di ritrovamento del cadavere. Respirò profondamente e cercò di calmarsi. Poi entrò in quel dimesso edificio in mattoni.
«Una vecchia stalla che non viene più utilizzata», gli aveva detto il collega al telefono. «Nel bel mezzo del Marsch. È incredibile che sia stata trovata così in fretta».
L’interno squallido era illuminato dai fari e il corpo risaltava sullo spoglio pavimento di pietra. Haverkorn rimase in piedi e lasciò che la scena agisse su di lui. Dentro di sé si stava preparando a guardare in faccia la ragazza morta. Si avvicinò, respirando dalla bocca per reprimere la nausea. Abbassò gli occhi sul busto nudo, sulle gambe piegate, sul segno della legatura sul collo La cosa peggiore era il viso, bluastro, gonfio, una macabra maschera di cera.
Si accovacciò accanto al cadavere. La vista del volto rigonfio era spaventosa, ma ne aveva bisogno. Quell’immagine si impresse a fuoco sulla sua retina. Sarebbe stata una specie di motore che lo avrebbe spinto fino a quando non avrebbero preso il colpevole. O fino a quando lui stesso non sarebbe stato sottoterra. Avrebbe trovato chi aveva fatto questo alla ragazza, chi le aveva sottratto l’opportunità di vivere una vita lunga e piena.
«Bjarne, è arrivato il becchino». Il collega era proprio dietro di lui. Aspettò qualche secondo, poi gli sussurrò le informazioni, come se la ragazza potesse sentirli. «Marit Otto, aveva quattordici anni. Abitava giù al paese. I genitori sono già stati avvertiti».
Haverkorn si rialzò e si voltò. Bofonchiò piano: «Io ho finito. Fatela portare via».
Uscì fuori. Mentre saliva in macchina caddero le prime gocce. Fissò a lungo la pioggia attraverso il vetro, senza sapere più dove andare.

L’AUTRICE
Romy Fölck è nata a Meißen, in Germania, nel 1974. Ha studiato legge e ha lavorato per dieci anni per una grande azienda di Lipsia, fino a che non ha deciso di vivere il suo sogno di scrivere a tempo pieno. Oggi vive con il marito nell’Elbmarsch vicino ad Amburgo, dove trova ispirazione per le ambientazioni dei suoi romanzi. Non entrate in quella casa è la prima indagine dei due investigatori Frida Paulsen e Bjarne Haverkorn.

(intervista in tedesco www.luebbe.de/bastei-luebbe/autoren/romy-foelck/id_5852903)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...