Massimino

“Saliva le scale facendo i gradini a due a due per fare il più velocemente possibile. Doveva arrivare all’attico di quel vecchio palazzo del 1300, ma alla prima rampa era già a corto di energie.
Massimo, per gli amici Massimino, era un ragazzetto magrolino, sulla ventina, universitario fuori corso ad economia e commercio. Tutto sommato, un bravo ragazzo.
Riuscì ad arrivare alla porta dell’appartamento tra mille imprecazioni, dolorante per due rovinose cadute durante la salita impervia. Inserì la chiave magnetica nella fessura e la porta si aprì da sola. Entrò in casa, chiuse il portone blindato dietro di sé, disattivò l’allarme e si diresse verso il salone.
L’attico si trovava al centro di Perugia, affacciato su Corso Vannucci da un lato e su Via Baglioni dall’altro.”

(foto: Pixabay, Corso Vannucci e Via Baglioni, Perugia)

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...